Antonella Rossi - Collezione di Alta Moda - LA MODA A FAVORE DELL’ARTE - ELE light Scarica il Nuovo Catalogo del 2019

Antonella Rossi – Collezione di Alta Moda – LA MODA A FAVORE DELL’ARTE

antonella-Rossi

LA MODA A FAVORE DELL’ARTE

COLLEZIONE DI ALTA MODA

Autunno- Inverno 2014

Museo-Boncompagni-Ludovisi

Museo Boncompagni Ludovisi

Via Boncompagni, 18 Roma

9 luglio 2013

Anticipazione stampa: ore 10.00

Sfilata: ore 17.00

COMUNICATO STAMPA (pdf)

La sfilata di Antonella Rossi si svolgerà il 9 luglio alle ore 10.00 per la presentazione alla stampa

e alle ore 17.00 su invito, al Museo Boncompagni Ludovisi – Museo delle Arti Decorative e della Moda con la Collezione  Autunno – Inverno 2014.

La collezione, composta da 23 outfit, nasce dall’ispirazione della favola di Amore e Psiche, tratta dalle Metamorfosi di Apuleio: scelta che ha portato ad una cartella colori ben definita.
Tagli e forme sono ispirate agli anni ’40. Sfilano cappotti dalle forme a uovo in Casentino, abitini chic , ma sobri con le maniche a conchiglia, pantaloni e gonne rigorosamente a vita alta e aderenti, per una donna alla ricerca della propria femminilità.

La collezione rivisita in chiave contemporanea lo stile degli anni ’40. Le forme arrotondate e a conchiglia vogliono ritrovare quell’intimità e quell’austerità che questi anni tormentati dalla guerra hanno impresso allo stile.

Una femminilità lineare, che parla sottovoce di un eleganza senza tempo.

Femminilità e sobrietà sono il ritmo della collezione, in cui eleganza ed equilibrio si armonizzano in un abbraccio che dà vita ad uno stile unico ed intramontabile.

I colori spaziano dai panna, naturali ai giallo ocra per il giorno, cappotti dai grandi revers e dalle grandi forme per pomeriggio e sera, abiti lunghi con intarsi di pizzo e scollature dietro che mettono in risalto la schiena, punto di seduzione femminile da sempre, in color rosso ciliegia, per poi arrivare ai celesti polvere e ad una sposa con il taglio redingote che sfila in passerella con il bianco che la celebra, mai volgare.

Sorpresa della collezione ė l’ingresso dello sposo firmato Antonella Rossi.

I tessuti sono di pura seta, pura lana sia per gonna e pantalone, che per i capi- spalla, lana bouclé, cachemire che gioca sia per il casual che per l’elegante, velluto, mikado abbinato con l’organza, chiffon, georgette e veli di mussola sia per le camicie che per gli abiti.
Altre caratteristiche della collezione sono il tema del fiore, costruito in tutti i diversi materiali, ed il pizzo, usato sia per il nude look, sia per doppiare i vari tessuti.

Fanno ingresso in passerella le scarpe Antonella Rossi, stivaletti ocra e grigio piombo per una donna dinamica che vuole essere all’avanguardia, decolté rosso ciliegia e celeste polvere, fino ad un classico decolté anni ’40 per la sposa.

Le borse d’artista nascono come frutto della stretta collaborazione tra Antonella Rossi e Riccardo Ajossa.

Mattina, pomeriggio e sera scandiscono il tempo quotidiano di una donna che ancora mantiene il legame con lo stile.

Il titolo della sfilata- evento “La Moda a favore dell’Arte” vuole sottolineare lo stretto rapporto tra il mondo della moda e quello dell’arte e per l’occasione sarà restaurata, a fronte dell’ospitalità, un’opera dei primi del 1911 di Umberto Prencipe “Veduta di Roma”.

Un concreto contributo che vede inoltre la partecipazione di due artisti che operano attivamente a livello internazionale nel settore dell’arte contemporanea:

GLI ARTISTI

Riccardo Ajossa con la collaborazione di Daniele Gagliardi (Tecnico di sviluppo prodotto pelletteria) e di Paola Ragosta (designer accessori) ha realizzato con l’antica tecnica di meditazione giapponese del Suminagashi i temi delle borse che accompagneranno la collezione dando vita ad uno specifico outfit di accessori di straordinario impatto visivo ed emotivo vista la tecnica con cui sono realizzate. Ogni borsa è firmata e autenticata come opera d’arte.

Ugo Ferrero con le sue ieratiche sculture,”Amore e Psiche”, aprirà l’evento accogliendo gli ospiti per l’occasione. Il tema nasce nel dialogo avuto con Antonella Rossi più di un anno fa, nella riflessione che questa favola di Apuleio propone, in cui Amore e Psiche sono i protagonisti di un percorso iniziatico che ancora oggi rimane attuale e richiama ad una pensiero generale ed essenziale per l’uomo. Come ben definisce G. Ussani d’ Escobar: ”Attraverso gli occhi di Amore e Psiche, accostandoci al loro sguardo, potremo scorgere il nostro futuro di anime alla ricerca d’Amore ”.

 

La solidarietà per Antonella Rossi non è un’esperienza astratta priva di progetto ma un’azione concreta che stabilisce quel fondamentale incontro e lavoro di ricerca che sta alla base della Moda. Il museo che ospita l’evento diventa così il teatro in cui questo incontro si manifesta.

La regia è a cura della Vr-Steering Media

Direttore artistico: Giulia Mori
Responsabile Commerciale: Erika Mori
Responsabile Marketing: Anna Mori

COMUNICAZIONE:

Bianca Cimiotta Lami – 338 97 97 515  lami.bianca@gmail.com

con la collaborazione di Ambra Vannoli     331 45 26 419   e la partecipazione di Raffaella Rubeo.


Related